I tuoi diritti di apprendista

Dumping salariale

Si parla di «dumping salariale» (ovvero una pressione al ribasso dei salari) quando le condizioni salariali usuali per il luogo, la professione o il settore non sono rispettate in modo ripetuto e abusivo. In modo abusivo significa che una o più imprese assumono lavoratrici e lavoratori (esteri) a salari più bassi o esercitano pressioni affinché questi ultimi accettino condizioni d’impiego peggiori. In modo ripetuto significa che diverse aziende o un’azienda che svolge un ruolo dominante sul mercato pagano a diversi dipendenti salari troppo bassi. Per far rispettare il pagamento dei salari minimi del ramo o della regione, le autorità possono estendere il campo d’applicazione dei contratti collettivi di lavoro (CCL) in modo che si applichino anche ai lavoratori temporanei e ai lavoratori distaccati. Se il CCL non prevede salari minimi, in caso di dumping salariale ripetuto e abusivo in un settore economico o in una professione le autorità cantonali o federali possono adottare un contratto normale di lavoro (CNL) a tempo determinato in cui è definito un salario minimo. Spetta alle autorità determinare ciò che costituisce un abuso. Se constati un abuso, rivolgiti al tuo sindacato o alla Commissione tripartita. Se sei vittima di dumping salariale, puoi intraprendere un’azione legale per recuperare la differenza di salario degli ultimi cinque anni.

Diritti correlati

Base legale

CO art. 360a-360b
LOCCL
LDist
LC art. 20
I tuoi diritti di apprendista
Torna su